Quanto sei bella Roma con Calipso:
il tempo libero speso bene!

Cerca

Oggi si mangia la trippa!

Nata come piatto povero, la trippa è lo stomaco del bovino, una delle tante interiora appartenenti al “quinto quarto”, la parte meno pregiata degli animali macellati, quella che rimaneva dopo aver venduto le parti migliori a coloro che se lo potevano permettere.

Il quinto quarto, infatti, era l’unica parte che in passato restava alle famiglie povere dopo aver destinato i quarti migliori ai nobili. La trippa si ricava dalla pancia, costituita dai tre prestomaci del bovino; contiene solo il 4% di grassi e il 17% di proteine.

Ai tempi della Roma papalina, le massaie aspettavano il sabato, giorno della macellazione, per accaparrarsi questi “scarti” e cucinarli in piatti gustosi e saporiti.

Mondata, cucinata con cura, valorizzata con ingredienti freschi e aromatici. Infatti la ricetta della trippa alla romana è arrivata fino ai giorni nostri, praticamente immutata: piatto tradizionale del sabato, preparata con il pomodoro, il pecorino e l’immancabile mentuccia.

Un piatto da “osteria” che oggi è presente nel menù dei migliori ristoranti che offrono la cucina romanesca tradizionale

Prepararla non è difficile, basta seguire con attenzione la ricetta classica, quella che preparava la Sora Lella.

Io ho, ovviamente, la mia. Meno aromatica ma buonissima. Eccola!

👩‍🍳 Per prima cosa, sbollento per 2 minuti la trippa nell’acqua con mezzo limone;

👩‍🍳 Intanto, imbiondisco la cipolla nell’olio (piccolo trucchetto: a volte aggiungo l’acqua per farla cuocere senza bruciarsi!);

👩‍🍳 Scolo la trippa e la metto nella padella, per farla insaporire bene;

👩‍🍳 Aggiungo un po’ di vino bianco per sfumare;

👩‍🍳 Quando il vino è completamente evaporato, metto un poco di passata di pomodoro (non tantissima, ma quel tanto che basta per colorare la trippa);

👩‍🍳 Continuo a cuocere, girando di tanto in tanto e aggiungendo un po’ di sale e del peperoncino e la mentuccia (a me non piace e evito questo ingrediente);

👵 Il tutto è cotto quando il pomodoro si separa evidentemente dall’olio (piccolo insegnamento di mia nonna!);

🍝 A questo punto, la trippa è pronta per essere mangiata!

🧀 Piccolo consiglio finale: per quanto la vera trippa alla romana sia servita con una bella spolverata di pecorino, non a tutti piace! Io lo metto al centro della tavola, così ognuno può mangiarla come preferisce!

💓 E Buon appetito!

Anna Maria

Condividi
Twitter
WhatsApp

SI RICORDA CHE

  • Tutte le visite guidate sono con prenotazione obbligatoria.
  • In risposta alla prenotazione, verrà comunicato luogo e ora dell’appuntamento.
  • La presenza e la puntualità sono una forma di rispetto verso gli altri
  • Per qualsiasi info contattare il numero: 340.19.64.054

TRADIZIONI

La Parmigiana

Non è romana, certamente, e l’origine di questo straordinario piatto è molto dibattuto: se la contendono Sicilia, Napoli e Parma.

Pomodori con riso

“Anto’, fa caldo!”, recitava una pubblicità. E quando fa caldo mangiare a volte è quasi una fatica. Però se profumo

FACEBOOK

error: Content is protected !!